La Verità dei Tempi

Considerare le storie come una realtà oggettiva, e interpretare la realtà come se fosse una storia. 
Una chiave di pensiero innovativa per comprendere meglio il presente.
La realtà e l'immaginazione non sono due antagonisti. Sono due forze complementari, due metà del Tutto. Si scambiano di posto con un gioco simile a una danza, e spesso finiscono per confondersi l'una nell'altra. Le teorie del complotto, le false notizie, le credenze popolari e le informazioni tossiche sparse appositamente per condizionare il pubblico.


Non esiste più una banale distinzione fra vero e falso. Impareremo ad interpretare ciò che ci circonda come se fosse una complessa trama: un sogno collettivo, un grande mito che ci coinvolge tutti.
Nel libro si parla di scie chimiche, di falsi allunaggi, di strani dettagli sulle torri gemelle, di alieni, di complotti mondiali e di tecniche per il controllo mentale. Non per dire che sono storie inventate, nè per affermare che sono verità. Piuttosto le ascoltiamo come se fossero miti del nostro tempo, racconti con cui l'uomo contemporaneo esprime inconsapevolmente le sue paure e le sue speranze. 
L'immaginazione infatti non è una fuga dalla realtà, ma un processo con cui l'uomo conosce un aspetto più sottile del mondo, lo elabora, e persino lo trasforma.