Il viaggio sotterraneo



Acquista il libro su Amazon

Leggi alcuni estratti dal libro


Pochi lo sanno, e nessuno ne parla, ma ad ogni città corrisponde una città nel sottosuolo, e le strade che le collegano formano un'enorme rete di gallerie sotterranee.

Mentre ero alle prese con i lavori di ristrutturazione delle fondamenta di casa mia, mi è capitato di trovare un ingresso a questo mondo seppellito; non sapevo però che l'ingresso è a senso unico, e che una volta entrati l'unico modo per tornare alla superficie entro un tempo ragionevole è passare per l'uscita principale, che si trova a Roma! Non avevo altra scelta che percorrere a piedi la lunga strada che separa Ronchi dei Legionari dalla capitale. E' stato un viaggio faticoso e non privo di pericoli, ma senza dubbio istruttivo!
Solo sottoterra si può vedere e toccare con mano le radici di quanto si trova in superficie. Ho avuto l'opportunità di vedere l'Italia da un altro punto di vista - dal basso verso l'alto - e così sono riuscito a scorgere anche quelle cose che di solito rimangono nascoste alla vista.
Ho visto cose meravigliose ed incredibili: le miniere di burro di Ronchi, le più ricche del nord-est; il museo del nero di Codroipo, in cui è raccolta ogni sorta di sfumatura di questo oscuro colore; Venezia sotterranea, detta "il rubino d'Italia", ed il giardino botanico delle muffe di Mantova. Nella Siena sotterranea c'è una cattedrale viva, fatta di carne; e sotto Spello, nel sottosuolo dell'Umbria, c'è un vero e proprio Inferno in cui la realtà perde di consistenza, lasciando filtrare terrori subdoli ed indicibili. Per non parlare poi delle mille incredibili meraviglie della Roma sotterranea

Mentre rivedevo i miei appunti di viaggio, mi sono reso conto che oltre all'aspetto stupefacente e caleidoscopico delle mie peripezie, c'è un fattore molto più profondo ed interessante: a saper cercare, ogni stranezza e bizzarria del sottosuolo ha un suo preciso significato, e ci parla in maniera allusiva ma ben precisa del nostro paese.
Viaggiare nel sottosuolo di una nazione è infatti come esplorare l'inconscio di un uomo in stato di ipnosi!