Alchimia dei Simboli



L’alchimia non è solamente la madre della moderna chimica; ma non è nemmeno, come tanti sostengono, unicamente una via di perfezionamento spirituale. La grandezza di quest’arte antica sta infatti nel riuscire a coinvolgere e legare entrambi i mondi della materia e dello spirito, mescolandoli in un’unione fertile e fruttuosa.
Per ottenere un simile risultato, è necessario il simbolo. I simboli sono spesso considerati semplicemente segni convenzionali per indicare concetti arbitrari, ma se maneggiati con la giusta arte possono diventare il tratto d’unione di realtà apparentemente inconciliabili: segno e significato, corpo e spirito, individuo e società, realtà e fantasia. E’ grazie all'analisi simbolica che l'alchimia può rivelarsi nell’interezza del suo splendore: lo studio delle corrispondenze fra i vari livelli dell'essere. L’alchimia dei simboli può così trovare la sua materia prima nei campi più disparati: dall'arte alla sociologia, dall'araldica alla psicologia umana, toccando tanto i misteri divini quanto quelli più squisitamente umani.  
L'alchimia è quindi molto più di un'operazione chimica o di un miglioramento del sé: può diventare la chiave per la comprensione di quelle strutture profonde che interessano trasversalmente tutti i piani dell'esistenza.